QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

Alunni con Disabilità

Il diritto allo studio degli alunni con disabilità si realizza, secondo la normativa vigente, attraverso l’integrazione scolastica, che prevede l’obbligo dello Stato di predisporre adeguate misure di sostegno, alle quali concorrono a livello territoriale, con proprie competenze, anche gli Enti Locali e il Servizio Sanitario Nazionale. La comunità scolastica e i servizi locali hanno pertanto il compito di “prendere in carico” e di occuparsi della cura educativa e della crescita complessiva della persona con disabilità, fin dai primi anni di vita. Tale impegno collettivo ha una meta ben precisa: predisporre le condizioni per la piena partecipazione della persona con disabilità alla vita sociale, eliminando tutti i possibili ostacoli e le barriere, fisiche e culturali, che possono frapporsi fra la partecipazione sociale e la vita concreta delle persone con disabilità.
Le Legge 104/92 riconosce e tutela la partecipazione alla vita sociale delle persone con disabilità, in particolare nei luoghi per essa fondamentali: la scuola, durante l’infanzia e l’adolescenza (artt. 12, 13, 14, 15, 16 e 17) e il lavoro, nell’età adulta (artt. 18, 19, 20, 21 e 22). Una ricostruzione dell’iter legislativo riguardante l’integrazione, e dei relativi principi, è presente nelle “Linee guida per l’integrazione degli alunni con disabilità”, diramate con nota del 4 agosto 2009.
Il MIUR mette in atto varie misure di accompagnamento per favorire l'integrazione: docenti di sostegno, finanziamento di progetti e attività per l'integrazione, iniziative di formazione del personale docente di sostegno e curriculare nonché del personale amministrativo, tecnico e ausiliare. Organi consultivo e propositivo, a livello nazionale, in materia di integrazione scolastica è l’ Osservatorio per l'integrazione delle persone con disabilità.
A livello territoriale altri organismi hanno il compito di proporre iniziative per realizzare e migliorare il processo di integrazione: i GLIP (“Gruppi di Lavoro Interistituzionali Provinciali”, formati da rappresentanti degli Enti Locali, delle ASL e delle Associazioni dei disabili) e i GLH (“Gruppi di lavoro per l'integrazione degli handicappati”, formati dal dirigente della scuola, dai docenti interessati, dai genitori e dal personale sanitario). Il compito del GLH è particolarmente significativo, in quanto ha la finalità di mettere a punto, tra l’altro, il Piano Educativo Individualizzato, che determina il percorso formativo dell’alunno con disabilità e garantisce un intervento adeguato allo sviluppo delle sue potenzialità.

Linee guida per l’integrazione degli alunni con disabilità

In primo piano

Esami di Stato a.s. 2018-2019: indicazioni sullo svolgimento, certificazione delle competenze e Prove scritte e orali

21 Mag, 2019

In allegato il calendario e le informazioni sulle modalità organizzative e sullo…

Dislessia Amica

03 Feb, 2019

L'IC Cesare Pavese aderisce al percorso formativo realizzato dall’Associazione…

INVALSI

01 Feb, 2019

CodeWeek 2018

17 Ott, 2018

La Scuola Secondaria di I grado "Cesare Pavese" di Napoli partecipa alla CodeWeek…

GENERAZIONI CONNESSE

16 Ott, 2018

L'ICS "Cesare Pavese" sostiene il Progetto "Generazioni Connesse". Il progetto è…

Circolare nuovo sito istituzionale e link sito vecchio

16 Ott, 2018

Si allega quanto in oggetto

URP

Istituto Comprensivo "Cesare Pavese"
Via Domenico Fontana 176 Napoli
Tel: 0815457087
Fax: 0815457087
PEO: NAIC8AW00B@istruzione.it
PEC: NAIC8AW00B@pec.istruzione.it
Cod. Mecc. NAIC8AW00B
Cod. Fisc. 80089730636
Fatt. Elett. UFEUP7